Mer 7 Dic 2016 - 18 visite
Stampa

Al Boldini si è parlato di data journalism e dati aperti

Sabato scorso si è svolto l'incontro formativo organizzato dalle aziende sanitarie ferraresi in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia Romagna

keyboard-1176257_640Buona affluenza di pubblico e molto interesse per il seminario di formazione “I dati nel web: risorse e opportunità per il Data Journalism”, che si è svolto sabato 3 dicembre presso il Cinema Teatro Boldini di Ferrara.

L’incontro è stato organizzato dall’Azienda Ospedaliero–Universitaria di Ferrara e dall’Azienda Unita Sanitaria Locale di Ferrara in collaborazione con l’Ordine Giornalisti e la Fondazione Giornalisti dell’Emilia-Romagna.

Si è discusso di esperienze di Data Journalism per conoscere come i dati pubblici possono essere riutilizzati al fine di creare nuova conoscenza e migliorare l’informazione ai cittadini. Si è cercato, inoltre, di conoscere i principali portali regionali e nazionali dei dati aperti, con un approfondimento specifico per quelli che trattano di ambiente, salute, servizi sanitari e servizi sociali (ma non solo). Un accento è stato posto anche su cosa significhi, per l’operatore dell’informazione, avere a disposizione, dal proprio territorio, dati aperti da riutilizzare.

Il programma della giornata, coordinato da Marco Malossi, responsabile ufficio stampa del S. Anna, Simonetta Beccari, responsabile ufficio stampa Azienda Usl di Ferrara e da Barbara Curcio Rubertini, responsabile del progetto “Ferrara Open Sanità”, ha visto la partecipazione di diversi professionisti, che hanno fatto una puntuale disamina delle opportunità offerte con l’utilizzo dei dati aperti.

Andrea Nelson Mauro vincitore dei Data Journalism Awards e dell’European Press Prize, e Angela Simone giornalista scientifica, esperta in bioteconologia, hanno  portato le esperienze di “data journalism” apprese  sul  campo. http://dati.emilia-romagna.it/.

A seguire Massimo Fustini, informatico e ideatore e coordinatore di http://dati.emilia-romagna.it/ – progetto regionale di Open Data della Regione Emilia Romagna, con Eleonora Verdini, responsabile del Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna, hanno presentato l’offerta degli open data a livello regionale.

A chiusura della giornata, Nicola Poletti, dell’Agenzia Sanitaria e Sociale della regione  Emilia-Romagna, dove si occupa di formazione e comunicazione, ha presentato il laboratorio di formazione per il riuso dei dati di “Ferrara Open Sanità” avviato in forma sperimentale dalle due aziende sanitarie ferraresi, in collaborazione con i Comitati Consultivi Misti, con lo scopo di fornire ai cittadini informazioni e strumenti per produrre nuova conoscenza, innovazione sociale e per prendere decisioni più consapevoli sui propri percorsi di cura.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi