Mer 24 Giu 2015 - 270 visite
Stampa

Fabbri: “Chiusure asili è fulmine a ciel sereno”

Il sindaco interviene sulla paventata chiusura delle scuole del Duomo e Virgili

IMG_20141015_150938676Comacchio. “Possiamo definire la paventata chiusura degli asili del Duomo e Virgili come un fulmine a ciel sereno”. Commenta così Marco Fabbri, sindaco di Comacchio, quanto emerso dalla stampa locale negli ultimi giorni in merito al destino delle due scuole.

“Seppur note le difficoltà delle scuole paritarie – afferma il primo cittadino – il metodo utilizzato che non ha visto il coinvolgimento né del Comune né tanto meno della comunità interessata, a cui è stata presentata una decisione irrevocabile e già assunta, ha lasciato l’Amministrazione senza parole. Si sottolinea che da sempre il Comune di Comacchio sostiene gli asili parrocchiali e che soltanto nel 2014/2015 sono stati destinati per trasporti, sostegno minori ai disabili, contributi ordinari e progetti di qualificazione delle paritarie oltre 150mila euro. È anche presente una commissione paritetica di regia – prosegue il sindaco – che convoca incontri periodici, per condividere progetti, iniziative e modalità di distribuzione dei contributi economici e mai questa commissione è approdata a tale decisione, comunicata soltanto in data 18 giugno, occasione in cui erano state convocate le scuole, per fare il punto della situazione e per comunicare un aumento del contributo ordinario da 26.626 euro a 40mila euro annue e dunque in controtendenza rispetto a quello che sta facendo lo Stato”.

“Abbiamo le rette tra le più basse della Regione che, unite al tema dei tagli dei contributi statali – sottolinea il sindaco Marco Fabbri-, si associa a un problema ulteriore, ossia l’enorme ritardo con cui vengono erogati gli stessi da parte dello Stato. Da un anno, abbiamo intrapreso un percorso condiviso con le scuole paritarie di San Giuseppe e Volania e soltanto grazie agli sforzi delle rispettive parrocchie, dei genitori, delle comunità intere e dell’Amministrazione Comunale, abbiamo scongiurato la chiusura, anche se il confronto proseguirà passo-passo per verificare di continuo gli equilibri finanziari”.

“Per quanto riguarda Comacchio – prosegue Fabbri – ci è giunta notizia soltanto qualche giorno fa, dopo che soltanto qualche mese fa avevamo partecipato ad una assemblea pubblica in cui ai genitori veniva comunicata la necessità di adottare misure di razionalizzazione importanti, al fine di garantire il proseguo delle attività. Tra queste la chiusura del plesso dei Cappuccini e l’aumento delle rette. Non comprendiamo cosa possa essere successo in questi mesi per arrivare ad una decisione così drastica e non condivisa con l’Amministrazione, data la portata del provvedimento”.

Il sindaco si dice pronto a fare la propria parte insieme all’amministrazione “ma abbiamo bisogno di essere messi nelle condizioni di poterlo fare e contiamo sull’aiuto della nuova associazione “Insieme per l’Infanzia”, di tutta la comunità ed in particolar modo del vescovo Luigi Negri, sempre sensibile alla realtà comacchiese, perché non è possibile che Comacchio si privi delle sue scuole materne, che traggono origine dagli istituti pubblici di assistenza e beneficenza “Orfanotrofio Femminile Mons. Virgili” e “Asilo infantile”, nati propri con scopi socio-assistenziali”.

“Le materne cattoliche – legate a parrocchie e congregazioni, con impiego di personale religioso, conclude il sindaco – sono in grado di compiere buone economie di gestione, ma necessitano di un bilancio trasparente e chiaro, che permetta di confrontare i dati ed eventualmente consentire una programmazione e dei percorsi di risanamento finanziario e di revisione della spesa.”

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi