Sab 21 Mar 2015 - 28 visite
Stampa

La storia del teatro dei burattini ad Argenta

Sul palco del centro Mercato la quinta generazione della famiglia Monticelli del Teatro del Drago

WPIl-teatro-del-drago_mediumArgenta. Oggi, sabato 21 marzo, alle 16 presso il centro culturale Mercato di Argenta si terrà il terzo appuntamento con la rassegna di teatro di figura “Burattini al Mercato” curata dalla compagnia “Arrivano dal mare!”. Sul palco si alterneranno tutti i sabati di marzo, quattro compagnie tra le più importanti e prestigiose d’Italia.

Il penultimo spettacolo in rassegna è a cura del Teatro del Drago (RA), che da quest’anno, cura la direzione artistica della rassegna insieme ad “Arrivano dal Mare!”. Sul palco salirà un pezzo di storia del teatro dei burattini italiano: la quinta generazione della famiglia Monticelli, nelle vesti di Andrea e Mauro Monticelli che rappresentano una delle più antiche famiglie d’arte di spettacolo attiva nel settore dei burattini e delle marionette dalla prima metà del XIX secolo.

Lo spettacolo “Il rapimento del principe Carlo”, dalla trama molto semplice, proviene da un vecchio canovaccio della metà dell’800. La storia inizia alla reggia di un vecchio re a cui è stato rapito il figlio. Viene dato ordine ai servi e ai soldati di andare a cercare il principe Carlo in tutte le terre del regno; alla ricerca parte anche Fagiolino aiutato dai consigli della vecchia fata Circe. Presto lo trova nel bosco della Rogna nelle mani del terribile e potente brigante Spaccateste e del suo gigante. Fagiolino dopo un lungo duello bastona senza pietà i cattivi e riporta sano e salvo il principe Carlo a suo padre il re. In onore di Fagiolino sarà fatta una grande festa.

L’ingresso unico è di 5 euro, la biglietteria sarà aperta a partire dalle 15.30.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi