Lun 31 Mar 2014 - 456 visite
Stampa

Ferrara invasa da sculture di San Giorgio e draghi

Invitati 170 comuni per la mostra, richiesta anche a Barcellona, Sarajevo e in Inghilterra

unnameddi Anja Rossi

È una mostra di scultura contemporanea quella che vedrà Ferrara trasformarsi in un museo a cielo aperto dal 12 al 23 aprile prossimi. Attraverso “San Giorgio, il drago e la principessa”, evento organizzato dall’associazione culturale Stileitalico, infatti, la città estense vedrà il suo centro storico amplificarsi e con le sue vie, i suoi palazzi e i giardini diventare la sede di una serie di sculture e di installazioni sul tema di San Giorgio e il drago, da sempre sviluppato come tema sacro ed ora riproposto anche secondo una visione più contemporanea.

Il progetto, che ha visto il patrocinio del Comune di Ferrara e dell’Assessorato alla Cultura, è stato presentato dall’assessore alla Cultura Massimo Maisto e dagli organizzatori Alberto Squarcia e Vincenzo Biavati dell’associazione Stileitalico.

Per la mostra, che vede presenze da tutta Italia, gli artisti sono stati invitati a creare e a presentare un’opera scultorea di grande dimensione sul tema di San Giorgio, da esporre nel centro storico di Ferrara. All’invito, hanno aderito molti artisti di fama locale, nazionale e anche internazionale, contando presenze anche dalla Svizzera e dalla Serbia. “Creando una’rete sangiorgesca’, ovvero contattando tutti quei comuni che nel nome o nel patrono ricordassero San Giorgio – ha spiegato Alberto Squarcia -, sono stati invitati 170 comuni italiani a selezionare un loro artista per partecipare a questo evento. Alcuni di questi saranno perciò presenti con il loro artista, altri invece verranno in visita alla mostra e alla città”.

Saranno dunque 34 le sculture di grande formato che verranno collocate nel centro storico, dentro a palazzi come il Roverella e palazzo Schifanoia, in un percorso che vede come tappa finale proprio l’abbazia di San Giorgio. Oltre a queste opere di grande formato, saranno presenti anche due antiquari con due sculture antiche e sarà poi inaugurata una mostra di sculture di piccolo formato presso il palazzo Turchi di Bagno, sede della facoltà di Antropologia, in corso Ercole I d’Este, di fronte al palazzo dei Diamanti. “La rassegna sculture di piccolo formato sarà proposta come una mostra itinerante – ha sottolineato Squarcia -, a cui tutti i comuni ‘sangiorgeschi’ possono aderire, per portare Ferrara e il mito di San Giorgio in giro per l’Italia e non solo, visto che girerà anche all’estero. La mostra è infatti già stata richiesta anche a Barcellona e Sarajevo, e in Inghilterra”. Infine, dal 13 al 16 aprile nel Giardino delle Duchesse è previsto un Simposio di intaglio e scultura del legno con sculture eseguite dal vivo da sei artisti, di cui 2 sono ferraresi.

Per Massimo Maisto “il progetto organizzato e realizzato da Stileitalico è un’idea felice per proporre dei lavori di arte contemporanea in città, semplicemente passeggiando per Ferrara, in un percorso che allarga il centro storico dal Quadrivio fino a San Giorgio. Se l’iniziativa avrà successo, proveremo a ripeterla in futuro”.

Il giorno 12 aprile è prevista dunque una doppia inaugurazione. Alle ore 11 per la mostra delle sculture di piccolo formato nel salone d’onore del palazzo Turchi di Bagno, al quale seguirà un rinfresco nel palazzo Ex-Borsa. Nel pomeriggio, invece, alle ore 16 verrà inaugurata nella sala dell’Arengo del Comune la mostra delle sculture e di installazioni a grande formato e il simposio di scultura, con aperitivo nel giardino delle Duchesse, offerto dall’ente Palio. La mostra terminerà dunque il giorno della Festa di San Giorgio, Patrono della città.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi