lun 9 Ott 2017 - 574 visite
Stampa

Cari risparmiatori Carife, venite al processo

Il “Maxi Processo CARIFE “ è arrivato all’ Udienza Preliminare il 20 Settembre scorso, nella sala del CENTRO SOCIALE QUADRIFOGLIO a Pontelagoscuro : il Giudice Unico del Procedimento dovrà decidere chi dei 12 imputati sarà rinviato a giudizio e per quali ipotesi di reato, delle numerose contestate. A presenziare a tale udienza erano ammesse le parti civili, in concreto noi risparmiatori azzerati per le azioni; qui abbiamo potuto cogliere la complessità della vicenda e con sorpresa abbiamo assistito all’ entrata nel processo, proprio come parte civile, cioè al nostro fianco, dei rappresentanti di Banca Valsabbina , di Banca d’ Italia e Consob. L’ udienza è stata quindi aggiornata al prossimo Lunedì 9 Ottobre .
Il Tribunale di Ferrara e il Comune avevano predisposto un luogo ampio e accogliente, nella previsione che dei 28.000 soci azzerati ce ne fosse una consistente percentuale interessata a guardare negli occhi gli imputati o almeno i loro legali: invece, sì o no che ce ne fossero una cinquantina. Gli altri presenti nella sala erano avvocati e addetti agli uffici giudiziari, oltre ad agenti delle Forze dell’ Ordine.
Mi viene da pensare: ai soci CARIFE AZZERATI forse non interessa niente del danno subito? Possibile che solo a me ( quella del campanello nelle varie piazze di Roma, di Arezzo, di Pisa, di Laterina, di Pontassieve, Bologna, Treviso, Padova e di Ferrara ) e a pochi altri amici di sventura e di cartello e striscione, non prema indicare ai Manager banchieri , ai Politici e ai Tecnici ministeriali e di Banca d’ Italia che siamo molto, molto sospettosi di manovre oscure e raffazzonate che hanno portato al disastro i conti nostri personali e indirettamente travasati sull’ intera Collettività? Noi Risparmiatori Azzerati Traditi abbiamo ascoltato molti insigni giuristi e abbiamo appreso di numerosi aspetti di incostituzionalità nell’ immissione della norma del Burden Sharing preliminare al Bail In nel sistema bancario italiano. Possibile che dobbiamo subire appiattiti dal compattatore UE e silenti per non disturbare il conducente- politico- in carica, senza mostrarci indignati e mortificati?
Per la prossima udienza di Lunedì 9 Ottobre, tra poche ore, al Centro Quadrifoglio, vorrei vedere finalmente i volti angosciati di migliaia di soci CARIFE , sinora rimasti dentro casa, migliaia di compartecipi alla crescita nei decenni della banca cittadina , risparmiatori assolutamente innocenti rispetto al dissesto , migliaia di giudici morali quali noi siamo, per esprimere pubblicamente fuori e dentro l’ aula del Tribunale, il disagio provocato nella nostra vita e per chiedere allo Stato il ripristino della Giustizia, dopo la malaccorta gestione della banca che ha indotto il suo lento e inspiegabile declino.
E rafforzare, con una nostra nutrita presenza e partecipazione, anche il contributo di collaborazione che ci è stato chiesto il 4 Ottobre scorso a Roma dal Presidente e Componenti della Commissione d’Inchiesta parlamentare sulle banche mandate al macero.
Ci conto, Lunedì 9 Ottobre ore 9,30, poi Martedì 10 e Giovedì 19 Ottobre a Pontelagoscuro.

Giovanna Mazzoni

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi