gio 28 Set 2017 - 167 visite
Stampa

Poesie per i donatori di sangue

Dedicata ai donatori di sangue e alla passione per il calcio di un piccolo poeta. Carissimi Amici del Ferrarese. Vi propongo due poesie: La prima,(mia), che ha vinto il “Premio Speciale Avis”, l’ho dedicata ai “Donatori di Sangue” . Una categoria di volontari che merita questo e ben altri riconoscimenti e ringraziamenti, per ciò che fa per la Comunità. La poesia parla di gocce di sangue, che lasciano il corpo di un bravo donatore per soccorrere esseri umani in difficoltà. All’uscita un curioso “guardiano” chiede chi vanno ad aiutare:le gocce ne danno i nomi e le motivazioni. La seconda, scritta da un giovane poeta, (mio nipote Marco, 15 anni), ha vinto il “Premio Giovani” nello stesso prestigioso Concorso. Parla delle situazioni ed emozioni di un calciatore in erba, che, emulando il fratello più bravo, conquista un posto di titolare nella squadra. Ovvio, scontato, che la seconda è quella che più mi ha gratificato!

SANGH E SOLIDARIETÀ
( PREMIO AVIS Concorso “Lindo Guernieri” di Portomaggiore 2017)
A séƞ góz ad sàƞgh ch’aƞdéƞ su e żó,
pr’ill véƞ dun’òman, pumpà dal cuór,
sémpar ad clà gnòla a par, però
a cambiéƞ vìa, prùƞ gèst d’amór.
A sóƞ Cicio al gràƞ capurióƞ
dnàƞz l’us si và fóra agh admànd
par curiosità o pr’opinióƞ
se j’è béƞ usà, cóm, infiƞ quànt.
<Ti Gig iƞ du vàt a zirundlàr?>
<A vagh da n’sgnór piutòst sfurtunà.
L’éra n’arbul d’mugnàgh dré pudàr
s’è rót uƞ ràm e lù l’è cascà.>
<E ti Bepe? Ché strada faràt?>
<Mì a sóƞ góza seƞza rimisióƞ,
an m’impòrta ch’al sia sàƞ o màt
basta che’agh sarvìsa dabóƞ.>
<Ti Giuli t’am par iƞfugantì,
ach préscia, in du vat a scàzar?>
<Uƞ putiƞ al stà mal, l’è tut frì,
l’è cascà iƞ mòto còl pàdar.>
<Sèlm, at véd córar preocupà
cum bùtla? At gh’avrà n’urgéƞza.>
<Stà zit, propria iƞquó dré dlà cà
clà brava ragàza, la Renza
còl curtèl ill vén la s’è tajà!>
– – –
Quél ché i lèt, còƞ tàƞta paziéƞza,
lè póch più d‘na fòla: fantasié
mò al mesàģ d’grand impurtaƞza
quél ché i parsunàģ descrìt j’è.
Góz ad sàƞgh, gnù fóra da un còrp
par sanàr om e donn sfurtunà
chì pòl salvàr dill volt da la mòrt
guarir e s’as pòl mandàri a cà !
Quést a suzéd parché a gh’è żént
chì dóna sàƞgh senza uƞ parché,
niént scunìśia j’al fà alegramént
sibéƞ puvrìt j’è … più sgnùr di Re!

Maurizio Musacchi

SANGUE E SOLIDARIETÀ (Traduzione)
Siamo gocce di sangue che saliamo e scendiamo,/per le vene d’un uomo, pompate dal cuore,/sempre di quella solfa sembra, però/cambiamo strada per un gesto d’amore./Sono Ciccio il gran comandante/davanti l’uscio se escono domando loro/per curiosità o per un opinione/se saranno ben usate, come, e perfino quando./<Tu Gigi dove vai a girovagare?>/<Vado da un signore piuttosto sfortunato./Era su un albero di albicocche che stava potando/S’è rotto un ramo e lui è caduto.>/<E tu Beppe, che strada intraprenderai?>/<Io sono goccia senza problematiche,/non m’importa se siano sani o pazzi/basta che serva loro davvero.>/<Tu Giulio mi sembri esagitato,/che fretta: dove vai a finire ?>/<Un bimbo sta male è tutto ferito,/è caduto dalla moto col padre.>/<Anselmo, ti vedo correre preoccupato/come và? Avrai un urgenza.>/<Taci che proprio oggi dietro casa/quella brava ragazza, la Renza/col coltello le vene ‘è tagliata!- – -/Ciò che avete ,letto con tanta pazienza,/è poco più d’una favola:fantasia/ma il messaggio è di grande importanza/quello che i personaggi scritti sono./Gocce di sangue, uscite da un corpo/Per sanare uomini e donne sfortunati/che possono salvare a volte dalla morteguarirli e potendo, mandarli a casa !Questo succede perché c’è gente/che dona sangue senza un perche,/niente mestizia, lo fanno allegramente/nonostante siano poveri sono più ricchi dei Re!

AL MIÉ ŻÓGH DAL BALÓN

Ades a v’agh spiégh
coƞ squàlch arturnèll
parché st’al sport chì
l’è sépr’al più bèll.
Al mié racónt
smaƞzipià da luntàƞ
quand ché dal balóƞ
a n’éra profàƞ.
Avdéva mié fradèll:
cum l’éra braviƞ
al tucàva la bàla
magnànd uƞ paniƞ.
Mò po’ am soƞ dìtt:
<Magari l’am piàś dabóƞ
aspéta ch’agh próa
magari a sóƞ bóƞ>.
A scumìƞzi iƞ paƞchìna
aƞ żógh uƞ minùt gnàƞch,
a sóƞ uƞ póch giòri
mò abatù po’, brìśa tànt;
a m’è stà iƞsgnà
s’à vój quèl d’impurtànt
bśógna ch’à lòta
còƞ furia e po’ tànt.
Acsì a m’è suzèst
d’entràr iƞ diféśa,
tut i m’à batù ill maƞ
“a j’ò fàt l’imprésa”,
ché da ch’al dì lì
a soƞ fis titolàr
la zént l’am vòl béƞ
e am sént aprezàr.
Iƞ fónd st’al sport
l’è cmè la vìta
ch’as vìƞza o ch’as pèrda
l’è ‘na giòja infinita;
e quànd un bèl dì
apandrò al scarpìƞ
ridénd còj amìgh
dnànz a uƞ bóƞ vìƞ,
arcurdarò …“ Al mié balóƞ”
uƞ żógh stupénd
pin cucunà ad pasióƞ
ch’iƞcóra al stàgh vivénd.

Marco Musacchi

“IL MIO CALCIO” (Traduzione).

Adesso vi spiego/ con qualche ritornello/ e’ sempre il più bello./ inizia lontano/ quando il pallone/ mi era profano./ Vedevo il fratello/ com’era bravino/ mangiando un panino./ Ma poi mi son detto:/ <Magari mi piace/ ne sono capace>./ non gioco un minuto,/ sono un po’ triste/ ma non abbattuto;/ bisogna che lotti/ in maniera furiosa./ Così mi e’ successo/ di entrare in difesa/ la gente mi applaude/“ho fatto l’impresa”,/ che da quel giorno/ non sono più uscito/ vengo apprezzato/ in un plebiscito./ In fondo sto’ sport/ e’ come la vita/ si vinca o si perda/ da gioia infinita;/ e quando un bel giorno/ appenderò lo scarpino/ ridendo tra amici/ davanti a un buon vino/ ricorderò …”Il mio Calcio”/ un gioco stupendo/ pieno di passione/ che sto’ ancora vivendo.

Stampa