ven 15 Set 2017 - 417 visite
Stampa

L’occasione fa l’uomo… stupratore

Una volta lo faceva ladro ora, dopo il caso dei due carabinieri a Firenze tocca aggiornare il motto!
Questo fatto è scioccante oltre ogni drammatica situazione di stupro, perché la difesa dei due carabinieri – che non negano il rapporto sessuale – è proprio questa: “mi sono lasciato trascinare”, “erano consenzienti”. Che a rigor di logica sintattica bisognerebbe sostituire con sembravano consenzienti, visto che poi li hanno denunciati.

Ora il processo, giustamente, ma già si coglie uno stile che fa venire in mente il primo processo per stupro nel 1979, quando gli aggressori si trasformarono in vittime e la donna abusata fu messa di fatto sotto accusa.

Sì, perché la parola di una donna abusata non basta mai, non è valida a prescindere, a meno che naturalmente lo stupratore non sia un extracomunitario, nel qual caso il bisogno di verificare il come e perché non sembra servire, vedi il caso della ragazza sul treno nel febbraio di quest’anno. (http://www.ilgiornale.it/news/politica/molestata-e-picchiata-treno-ragazza-ha-inventato-tutto-1368131.html)
Nel caso di Firenze invece che cosa c’è da verificare se i due carabinieri ammettono il rapporto e le ragazze denunciano di non essere state consenzienti? Fossero ubriache o meno che cambia? Se le ragazze avessero voluto o provocato quel rapporto sessuale, squallidamente consumato per le scale, non avrebbero, immeditamente dopo, agito con denuncia. Che qualcuno ha perfino tentato di sminuire con la falsa storia di un vantaggio assicurativo!!

In più, è verosimile che due ragazze di vent’anni tentino di adescare due carabinieri di 32 e 46anni- “hanno insistito a farci salire”, uno che potrebbe essere loro padre? Davvero l’ego maschile si sente così attraente??

Come si sente invece una giovane donna di 20 anni circuita da un militare in servizio, armato, che pensavi ti potesse proteggere e invece abusa di te? C’è di che restarne sgomenta dallo spavento.

Non si può infatti prescindere dal fatto che in quel momento i carabinieri non erano uomini qualsiasi ma erano militari in servizio, il servizio che per definizione viene definito forza di sicurezza!

Si tenta di far passare per due sconsiderate ragazzacce ubriache due giovanissime straniere che SI FIDANO dei Carabinieri in servizio con tanto di gazzella.
Chi di noi donne non lo avrebbe fatto?
Il passato è d’obbligo purtroppo perché credo che ora staremo davvero tutte più attente ai maschi in divisa!

Stampa