dom 13 Ago 2017 - 1538 visite
Stampa

Crac Carife, negato il sequestro di 15 mln a due banche

La procura ha già presentato ricorso contro gli istituti di credito coinvolti nella sottoscrizione dell'aumento di capitale del 2011

Il tribunale di Ferrara ha rigettato la richiesta, avanzata dalla procura, di sequestro preventivo di 15 milioni di euro alle banche CariCesena e Valsabbina, coinvolte nell’aumento di capitale Carife da 150 milioni del 2011.

A riportare la notizia è il quotidiano La Nuova Ferrara. Gli amministratori delle due banche sono indagati con l’accusa di aver partecipato alla formazione fittizia di parte del capitale di Carife, tramite la sottoscrizione reciproca di azioni: CariCesena e Valsabbina sottoscrissero l’aumento di capitale ma – secondo gli inquirenti – le loro quote vennero poi ‘rimborsate’ dalla stessa Carife, di fatto annullando i termini economici dell’operazione.

La richiesta era per il sequestro preventivo per equivalente di 15 milioni totali (10 milioni a CariCesena e 5 a Valsabbina) come prova e profitto del reato. Una lettura che però non ha trovato l’accordo del gip che ha rigettato la richiesta.

La procura però però ha già presentato il ricorso presso il tribunale del Riesame con udienza fissata per il 13 settembre, non molto tempo prima dell’avvio, il 20 settembre, del processo per il crac.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi