gio 10 Ago 2017 - 2788 visite
Stampa

Credevo alla sinistra, voterò Cinque Stelle

Conosco bravi politici che provano a fare qualcosa, gli dico che devono riuscire altrimenti hanno fatto perdere tempo prezioso per cambiare qualcosa, purtroppo conosco anche persone che si “buttano” in politica per scopi personali, così… tanto per fare qualcosa di diverso ed avere il piacere di essere di rappresentanza, che ci sia il PD, Forza Italia o il movimento 5 stelle poco importa, basta esserci.

Scrivo queste righe ad agosto per scelta, perché sono tutti in ferie…

Ditemi voi, come si può pretendere una classe politica seria se si parte con questi presupposti. Nessuno che si domanda cosa fare di concreto per il nostro territorio…

Quasi 700 posti persi alla Berco negli ultimi 3 anni, per non parlare di tutti gli artigiani che hanno chiuso, la storica fabbrica di mio cognato Massimo Fabbri (Leo Fabbri, costruzioni meccaniche contenitori sovrapponibili) dietro alla Berco per esempio non è riuscita ad andare avanti e tra l’indifferenza generale e qualche pacca sulla spalla si perdono ogni giorno posti di lavoro.

Non sarò certo io ad indicare la strada, le politiche si devono riunire tutte le settimane per trovare soluzioni, creare nuovi posti, studiare nuove idee, sputare sangue e farsi in quattro per cercare soluzioni, altrimenti possono anche andare a casa e lasciare posto a chi ha dei progetti reali e concreti.
I giovani del PD che premiano al palio di Copparo proprio non mi va giù…
Premiano associazioni di volontariato, premiano commercianti che vogliono valorizzare la propria attività ma non premia un partito politico.

I politici hanno assassinato la politica, la politica è morta assassinata dai politici.
É morta perché se nasci figlio di operai farai l’operaio, se nasci figlio di dirigente farai il dirigente, se nasci figlio di disoccupato rimarrai disoccupato. “Anche l’operaio vuole il figlio dottore” diceva una vecchia canzone… #CIAONE… come disse l’onorevole del pd Ernesto Carbone riferendosi al fatto che non si raggiungeva il quorum nel referendum contro le trivellazioni.

Ecco perché il prossimo giro voterò MOVIMENTO CINQUE STELLE, forse per far saltare in aria tutto, sempre politicamente parlando o forse perché credo in certi ragazzi che vogliono provare a fare qualcosa in questo paese devastato dal servilismo e dai leccaculo nei confronti dei potenti.

Non credo più a niente, cos’è la destra, cos’è la sinistra?

Vedevo la destra che difendeva la famiglia e anche se non ero d’accordo aveva una sua idea politica, credevo in una sinistra che difendeva gli ultimi i più deboli, gli emarginati, credevo in una sinistra che aveva a cuore i problemi degli operai, degli oppressi che valorizzava la scuola e gli insegnanti, mai visto niente di tutto ciò, anzi con il jobs act e la “buona scuola” hanno devastato tutto.

Come faccio a fidarmi ancora?

Stampa