sab 17 Giu 2017 - 5959 visite
Stampa

Dexia, dopo Prato anche Ferrara rischia la condanna

L'Alta Corte di Giustizia di Londra ha definito "perfettamente legittimi" i contratti tra il Comune di Prato e Dexia. Cosa bisogna aspettarsi per il contenzioso tra l'istituto finanziario e il Comune di Ferrara?

Brutte notizie da Londra. L’alta corte della capitale inglese ha infatti ribaltato la sentenza di primo grado circa il contenzioso tra il Comune di Prato e Dexia Crediop. La Corte d’appello di Londra, a cui lo stesso Comune toscano, si era rivolto per dirimere la questione, ha stabilito che i contratti sono perfettamente validi. Il Comune di Prato dovrà ora risarcire l’istituto finanziario e sostenere le spese legali del procedimento.

La sentenza ribalta del tutto il pronunciamento del primo grado di giudizio. Era il 27 giugno 2015 quando una storica sentenza dava torto all’istituto di credito dando ragione al Comune di Prato riguardo la domanda di annullamento dei contratti di finanza derivata nei confronti della Società Dexia Crediop. Una situazione in tutto simile a quella in cui si trovava e si trova tutt’ora il Comune di Ferrara.

La sentenza di venerdì stabilisce che il Comune di Prato dovrà versare entro luglio oltre 14,5 milioni di euro dopo che la giustizia inglese ha dichiarato perfettamente validi i contratti di derivati stipulati in passato dall’amministrazione comunale e poi contestati. Medesimo discorso per il Comune di Ferrara che, come ebbe a dichiarare il Sindaco Tiziano Tagliani all’epoca della prima storica sentenza della Corte londinese, pose la: “Medesima questione nei confronti di Dexia in relazione alla quale anche la nostra Amministrazione, in via di autotutela, aveva revocato i contratti medesimi in quanto ritenuti in violazione dell’art. 30 del testo unico sulla finanza locale”.

Esattamente come il comune toscano, l’Amministrazione ferrarese, assistita dagli studi legali AXIIS di Bologna e Seddons Sollicitors LLP di Londra,  nel corso degli anni ha preso la decisione di accantonare risorse per far fronte ad un’eventuale sconfitta nella causa. Si tratterebbe di circa 8,5 milioni di indennizzo per Dexia e 2,5 milioni per il pagamento delle spese burocratiche e legali.

La storia del contenzioso

La vicenda Dexia iniziò nel 2002, quando la giunta Sateriale sottoscrisse per la prima volta i derivati finanziari (un’operazione ripetuta anche nel 2003 e 2005) legati all’andamento del tasso Euribor, all’epoca superiore al 6,5%. L’andamento positivo della borsa garantì al Comune di Ferrara fino al 2008 un utile di circa 135mila euro, ma la crisi finanziaria in agguato l’anno successivo trasformò lo strumento finanziario in un vero e proprio boomerang per i bilanci comunali: dopo il tracollo dell’Euribor a tassi inferiori al 4,25% il derivato (in pratica una sorta di ‘scommessa’ sull’andamento di altri strumenti finanziari, in questo caso un tasso di interesse) cominciò a rappresentare un pesantissimo costo per il Comune di Ferrara, che nei tre anni successivi fu costretta a versare oltre 800mila euro alla banca di investimento inglese.

La svolta del Comune di Ferrara e di altri 10 enti pubblici italiani (tra cui i Comuni di Prato e Pisa e le Regioni Campania e Lombardia) avviene nel 2011, quando l’avvocato Lo Jacono-Smith fonda l’Italian Desk dello Studio Seddons, che diventerà il principale – per quanto oneroso – alleato delle amministrazioni italiane nelle future battaglie legali contro Dexia. Il 30 maggio 2012 l’allora assessore alle finanze Luigi Marattin annuncia l’annullamento in autotutela del derivato, deliberato dal consiglio comunale dopo un anno di trattative infruttuose con Dexia. Tre le motivazioni tecnico-giuridiche alla base di questo atto unilaterale: i ‘costi impliciti’ (somme implicite nella valutazione dello strumento finanziario) che non sarebbero stati esplicitamente segnalati nel contratto, il contenuto del testo unico sulla finanza del 1998 (la “legge Draghi”) secondo cui chiunque sottoscriva un contratto del genere deve essere “operatore qualificato” (definizione nella quale non rientrerebbe il Comune) e, infine, perchè Dexia fu scelta senza gara o procedura comparativa ma solo attraverso un sondaggio informale. Immediata la risposta della banca di investimento, che fece ricorso al Tar e alla High Court of Justice di Londra pretendendo nel corso degli anni dal Comune (secondo gli ultimi conteggi ufficiali a nostra disposizione, del novembre scorso) una cifra quasi inaffrontabile: oltre 5 milioni di euro.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi