ven 19 Mag 2017 - 1157 visite
Stampa

Rapine e sequestri, presi altri due componenti della banda

Erano specializzati in colpi in banca tra Veneto ed Emilia e avevano rapinato anche la filiale di Copparo della Bper

Sono finiti in carcere altri due componenti della banda, una vera e propria associazione per delinquere, specializzata in rapine in banca con sequestro di persona, che aveva colpito anche a Copparo nel novembre del 2015 alla Banca Popolare dell’Emilia Romagna.
I primi quattro rapinatori vennero arrestati nell’estate del 2016 a seguito delle indagini compiute dai carabinieri di Venezia in collaborazione con le centrali di Ferrara, Modena e Prato, e oggi gli ultimi due arresti – Filippo Sapienza e Angelo Maimone, catanesi – riguardano quelli che gli investigatori considerano gli autori materiali delle rapine, ‘trasferisti’ dalla Sicilia a Nordest.
La banda solo nel 2015  era riuscita a incassare quasi 300mila euro attraverso numerosi colpi negli istituti di credito del Veneto e dell’Emilia-Romagna. Ma i quattro rapinatori sono stati fermati e arrestati questa mattina dai carabinieri di Venezia, alla conclusione di un accurato lavoro di indagine in collaborazione con le centrali di Ferrara, Modena e Prato. E pare che altre rapine fossereo allo studio nel mantovano, prima che i militari facessero terra bruciata attorno alla banda.
A finire in manette nell’estate del 2016 furono \due uomini catanesi, Marco di Mauro, 52 anni, e Francesco Guardo, 25 anni, il 47enne di Chioggia Andrea Gibin e il 51enne milane Stefano Voltolina, mentre due donne, Serena Gibin e Silvia Ravagnan, sono state sottoposte agli arresti domiciliari. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, la banda sarebbe responsabile di numerosi colpi tentati o messi a segno tra l’autunno e l’inverno del 2015, tra cui una tentata rapina alla filiale Carife di Porto Viro, il 19 novembre, e la rapina alla Banca Popolare dell’Emilia Romagna di Copparo che fruttò un bottino di circa 5mila euro, durante la quale clienti e dipendenti vennero chiusi in bagno dai banditi.

Le ultime due ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite dai carabinieri di Venezia hanno quindi smantellato l’organizzazione, dedita a questo tipo di reati principalmente per mantenere un tenore di vita molto elevato. Al momento dell’arresto di Maimone è stato bloccato anche il fratello per detenzione di un ingente quantitativo di marijuana.

Ai sei arrestati è stato contestato il reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine con sequestro di persona. Sequestrati inoltre conti correnti, auto e cassette di sicurezza. Sono in corso indagini su altre rapine compiute nel ferrarese da parte della Procura di Ferrara.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi