ven 19 Mag 2017 - 1087 visite
Stampa

Dalla Serbia si attende il Dna di Norbert Feher

Verrà confrontato con quello estrapolato nei luoghi dei due omicidi, a Budrio e nel Mezzano, per sciogliere ogni dubbio sull'identità del ricercato

La Procura di Bologna sta attendendo dalla Serbia l’invio del Dna di Norbert Feher, alias Igor Vaclavic, il killer di Budrio e del Mezzano ricercato da oltre un mese senza ancora alcun esito.

Il Dna del killer servirà alla Procura felsinea a chiudere definitivamente il quadro indiziario a suo carico, cioé per sciogliere ogni dubbio sull’identità del ricercato. Il Dna verrà infatti confrontato con quello estrapolato dal sangue trovato dopo il primo omicidio, quello del barista Davide Fabbri, che è stato già dichiarato compatibile con quello estratto invece dalle tracce lasciate dal ricercato sul furgone abbandonato l’8 aprile, subito dopo l’omicidio nel Mezzano della guardia volontaria Valerio Verri.

Alla richiesta del pm Marco Forte le autorità serbe hanno risposto che verrà esaudita, senza tuttavia precisare i tempi, dato che si dovrà verificare se i Dna di Norbert Feher è conservato o meno in una banca dati di quel Paese. Il killer venne condannato in Serbia olte 12 anni fa e dovrebbe quindi essere schedato, ma se non esistesse in alcuna banca dati il suo Dna, in alternativa si potrebbe prelevare un campione da un parente prossimo, probabilmente dalla madre che risiede a Subotica, e confrontarne la compatibilità a livello di parentela con quello in possesso degli inquirenti qui in Italia.

Intanto le ricerche di ‘Igor’ proseguono senza sosta nella cosiddetta ‘zona rossa’ e nelle aree limitrofe, mentre gli agenti di Polizia provinciale che avevano inizialmente fermato e quindi limitato l’attività dopo l’omicidio di Verri e il ferimento di Marco Ravaglia sono tornati regolarmente in attività.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi