ven 21 Apr 2017 - 13657 visite
Stampa

Incidente in mare, muore un ragazzo di 18 anni

Due barche si sono scontrate e il ragazzo è finito in acqua. Inutili i soccorsi, ferito anche il padre e un'altra persona

Goro. Incidente mortale questa mattina, alle 7.30 circa, nella sacca di Goro. La vittima è un giovane del luogo, Alex Ballarini, 18 anni, residente a Gorino.

La tragedia si è consumata in prossimità del porto dove due barche per la pesca delle vongole si sono scontrate durante le manovre di rientro nel porto di Gorino.

Secondo la prima ricostruzione effettuata dalla Capitaneria di Porto Garibaldi, l’imbarcazione sulla quale navigavano la vittima, suo padre e altri due pescatori, facenti parte della cooperativa Adriatica Gorino, è andata a collidere con un’altra barca con a bordo due persone.

La vittima Alex Ballarini

Nell’impatto il ragazzo è caduto dal natante ed è finito in acqua, sbattendo la testa. Il corpo è stato portato a terra per consegnarlo ai soccorsi del 118 ma tutti i tentativi di rianimazione si sono rivelati inutili. Alex è morto praticamente sul colpo, verosimilmente a causa del trauma cranico riportato durante la violenta caduta.

Nel drammatico incidente sono rimasti feriti anche il padre della vittima, in maniera lieve e medicato sul posto, e un collega, S.T. di 41 anni, che ha riportato una grave frattura al bacino ed è stato trasportato  in elisccorso presso l’ospedale di Cona.

Ballarini, che avrebbe compiuto 19 anni a luglio, aveva appena finito la scuola dell’obbligo e aveva lasciato la carriera studentesca per lavorare come pescatore, seguendo le orme del padre. I due, come tutte le mattine, erano partiti in barca a caccia di vongole in quel mare che conoscevano bene ma che non perdona.

Intervenuti anche i carabinieri di Comacchio e, come detto, la Guardia Costiera di Ravenna e di Porto Garibaldi che sta seguendo il caso. Le barche sono state sottoposte a sequestro per le indagini.  Restano ora da accertare le cause e le responsabilità del sinistro.

“Ci uniamo innanzitutto al dolore della famiglia, cui rivolgiamo le più sentite condoglianze per la gravissima perdita subita – si legge in una nota del sindacato Flai-Cgil -. Si tratta dell’ennesimo incidente sul lavoro accaduto nel settore della pesca, che si contraddistingue per la pericolosità delle attività lavorative e la gravità degli incidenti stessi, come denunciato a più riprese negli ultimi anni. Rimaniamo per ora in attesa di conoscere di più sulla dinamica e sulle cause dell’incidente di Goro da parte delle Istituzioni, che in queste ore stanno svolgendo le indagini sull’accaduto. Esiste peraltro già un luogo nel quale confrontarsi tra istituzioni, associazioni e sindacati di settore sulle dinamiche degli infortuni nel settore della pesca, per analizzarli e tentare di evitarli: fin dal 2015 è costituito un Tavolo permanente per la Salute e Sicurezza nella pesca, coordinato dalla Capitaneria di Porto. Il confronto dovrebbe riprendere a breve, analizzando proprio le fasi lavorative necessarie alla pesca alle vongole in valle”.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi