mer 19 Apr 2017 - 1193 visite
Stampa

Ponti ‘pericolosi’, Marchi ricorda a Naomo che la Provincia si è già mossa

Il sindaco di Ostellato: «In materia di esposti Lodi arriva buon ultimo»

Non si fa attendere la risposta ufficiale della Provincia alla denuncia di Nicola “Naomo” Lodi sullo stato dei ponti nella Ferrara-Mare. E arriva dal vicepresidente e sindaco di Ostellato Andrea Marchi.

Se da un lato viene mostrato lo stato di incuria di molti viadotti chiamando in causa l’inazione delle istituzioni – tanto da annunciare un esposto a procura e vigili del fuoco – dall’altro viene ricordato a Lodi che la Provincia un esposto lo ha fatto proprio perché privata ormai di qualsiasi strumento per intervenire.

«Leggendo la nota del signor Nicola Lodi, autorevole esponente della Lega Nord ferrarese, in merito allo stato di manutenzione di ponti e strade – scrive Marchi – viene da chiedersi se negli ultimi tempi mentre il Consiglio Provinciale denunciava il vergognoso stato in cui versano le finanze provinciali, a causa di un riforma nata male e morta peggio, il signore in questione fosse sintonizzato su altri canali. Pare oramai informazione evidente e nota ai più la drammatica situazione di emergenza in cui versano le Province italiane, con bilanci bloccati ed in esercizio provvisorio e con la seria difficoltà a garantire i servizi provinciali ai cittadini. Da mesi – sottolinea Marchi – chiediamo, insieme ai colleghi di ogni schieramento politico, lo stanziamento al Governo di fondi che garantiscano nulla altro se non la manutenzione ordinaria di 5100 scuole superiori statali ed oltre 130 mila chilometri di strade provinciali. Oggi, sulla scia dell’emergenza di crolli di ponti e di tragedie della strada Nicola Lodi si accorge dell’assurda situazione”. Bene , sappia l’esponente della Lega Nord che ben prima di lui la Provincia di Ferrara, insieme ad ogni Provincia di ogni colore e tendenza ha provveduto a presentare un esposto alla Corte dei Conti, alla Procura della Repubblica ed alla Prefettura per segnalare ed illustrare la situazione finanziaria degli Enti incapaci di erogare i servizi assegnati dalla legge ed a cui i cittadini hanno pieno diritto. In materia di esposti quindi, Nicola Lodi arriva buon ultimo».

«Così come Lodi – conclude Marchi – anche noi, oltre all’obbligo di amministrare con il nulla, abbiamo quello di denunciare situazioni che non dipendono certamente da noi e con le quali quotidianamente combattiamo per garantire servizi».

«Io non sarei tanto ironico, sarei preoccupato”, controreplica Lodi, che sostiene che “se il sindaco Marchi è così preoccupato sullo stato dei ponti non perda tempo: Il sindaco può intervenire, mettere in sicurezza il ponte e chiuderlo».

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi