lun 20 Mar 2017 - 414 visite
Stampa

Voucher. Anche Confesercenti critica l’abolizione

Il presidente Benasciutti: "Battaglia di chi è contro la semplificazione del lavoro"

Paolo Benasciutti

“La volontà di abolire i voucher è la battaglia di chi è contro la semplificazione del lavoro ed una decisione che asseconda percorsi puramente ideologici”. A dirlo è Paolo Benasciutti presidente di Confesercenti Ferrara, che interviene del dibattito pubblico dopo le dure critiche espresse da Davide Urban (Ascom) sullo stesso tema.

“Le ore lavorate con i voucher – osserva Benasciutti – rappresentano approssimativamente allo 0,40% del totale, ed equivalgono a circa 860 milioni di euro di retribuzioni e 280 di contributi. Somme che certamente non potranno trasformarsi in contratti di lavoro tradizionali per la tipologia di esigenza che andavano a coprire. Inoltre, il lavoratore medio voucher, nel 2016, ha guadagnato non più di 600 euro lordi l’anno, importi certamente lontani dalle remunerazioni che si ottengono attraverso un lavoro continuativo, e che infatti sono state percepite per due terzi da persone con altra fonte di reddito. Purtroppo – aggiunge il presidente di Confesercenti – il Governo anziché affrontare una vera analisi del mercato del lavoro per capire che cosa hanno sostituito i voucher e cioè se lavoro nero o altro, ha preferito intervenire con un taglio drastico dello strumento, senza porsi nessun problema, lasciando scoperta una necessità del mondo delle imprese, che evidentemente, prendiamo atto, pone in secondo piano”.

“Non si tratta di essere a favore o meno dei voucher – prosegue Benasciutti -, se ci sono stati degli abusi, vanno identificati e contrastati; già l’introduzione della tracciabilità ne aveva ridimensionato molto l’utilizzo. Oggi, dopo questa scellerata decisione, il tema vero è quello di mettere comunque in condizione le aziende del nostro settore, chiamate, il più delle volte a gestire picchi di lavoro a seconda della stagione e anche del giorno settimanale, di continuare ad esercitare la propria attività. Per questo riteniamo che l’abrogazione dei voucher sia un errore. Anche senza i buoni lavoro i lavori occasionali continueranno ad esistere: servirà dunque un altro strumento per regolamentare tutte quelle prestazioni che nelle imprese non possono essere inquadrate in rapporti di lavoro tradizionale. Con l’eliminazione si rende necessaria una fase transitoria che proroghi l’uso dei voucher fino all’arrivo di nuove regole sul lavoro accessorio, anche considerando l’imminente partenza della stagione estiva. Senza una alternativa – conclude Benasciutti – ora la scelta che ha l’azienda è rischiare con personale non inquadrato o rinunciare ad un lavoro, scelta che non possiamo accettare.”

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi