ven 17 Feb 2017 - 902 visite
Stampa

Crolli alla Ceramica Sant’Agostino. Giudizio abbreviato per tre imputati

Manuzzi, Govoni e Fipertani scelgono il rito premiale mentre Formigoni andrà a dibattimento. Tutti di nuovo in aula a ottobre

Sant’Agostino. Si terrà a ottobre, davanti al gup, l’udienza per il rito abbreviato scelto da tre dei quattro imputati per i crolli alla Cercamica Sant’Agostino, avvenuti durante il sisma del 20 maggio 2012, in cui morirono Nicola Cavicchi e Leonardo Ansaloni.

Nell’udienza di giovedì 16 febbraio, come già anticipato a dicembre, le difese di Ennio Manuzzi, titolare dell’azienda, e dei due tecnici Andrea Govoni e Andrea Fipertani – avvocati Riccardo Caniato per tutti e tre e Filippo Sgubbi per Manuzzi e Fipertani – hanno chiesto e ottenuto il giudizio abbreviato dopo aver depositato una corposa documentazione tecnica. “Abbiamo anche prodotto dei provvedimenti di archiviazione del tribunale di Modena – rivela l’avvocato Sgubbi – per fatti analoghi che riguardano società di quella zona”.

L’altro tecnico imputato, Bruno Luigi Formigoni – difeso dall’avvocato Luigi Isolabella di Milano – ha invece scelto la strada del giudizio ordinario, con udienza preliminare fissata per la stessa data degli abbreviati: il 12 ottobre.

Tutti devono rispondere di concorso in omicidio colposo, mentre non ci saranno parti civili:  l’azienda a dicembre aveva già raggiunto un accordo extragiudiziario con le famiglie delle vittime per il risarcimento del danno.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi