mer 28 Set 2016 - 524 visite
Stampa

Un nipote poeta e spallino

unnamedCarissimi lettori,

inutile nascondere l’orgoglio d’un nonno che ha il nipote poeta e spallino. Marco Musacchi, mio nipote ha vinto, categoria Giovani “Facepoet”, il prestigioso Premio “Lindo Guernieri” di Portomaggiore. (ed è il terzo premio letterario che lo vede prevalere).

Dedicata alla Spal, scritta  qualche mese fa quando andava benissimo e vinceva il campionato. Oggi fa un po’ fatica, ma speriamo in bene andando avanti! Comunque, sempre “Forza Spal”. Maurizio

UN DÌ ÀLA SPÀL

Agh và sémpar mié nòno

purasà n’ìη zcór mié popà

àla fìη am sóη cuηvìnt

ché al stàdio agh sóη aηdà.

Màma mìé quanta zént

d’ogni via, quànt baticuór

e tùt i và int uη sól pòst

a tifàr par chì bèj culór.

A séη tanti iη stà cùrva

qualchdùη àltar al và iη tribùna,

l’emozióη l’è dré crésar

a séη dré partìr par… la Luna.

Al profùm ch’al fa al prà

d’èrba curta péna bagnàda

am viéη vója ad magnàrla

cmè ‘na tórta ad ciculàta.

Al micròfoη al dà ill furmazióη

I tifuś i tàca a caηtàr

a màηca póch ormàj agh séη

I źugadùr j’è dré eηtràr.

La źóga béη la mié squadra

la cór, l’atàca, la prèsa, la fa cròss

i pàr tut iηdiaulà

a sént i śgrìśul int j’òss.

Agh màηca póch àla fìη

l’auménta l’àηsia dì tifuś

fórsi al balóη l’è aηdà int la réd

vlìv savéral, siv curiuś?

Aη m’impòrta aln m’iηtarèsa:

“Grazié opà, grazié nunóη

ché àla Spal a m’ì purtà

régalàηdam uη sógn dabón”.

Po’ sé ch’al gòl ch’à n’è sta fàt

s’l’avrà Spal in B cuηquistàda

par Fràra al orgòli al sarà

e iη Piàza aηdréη tùt iη paràda.

Mó a sóη uη putìη quaś ragazét

quél ch’l’è bèl l’è putér sugnàr,

in st’al dì purasà speciàl

ché sól la Spal m’à putèst regalàr !

UN GIORNO ALLA SPAL

Ci va’ sempre mio nonno

ne parla spesso mio padre

alla fine mi son convinto

che allo stadio dovrò andare.

Mamma mia quanta gente

da ogni via, ché batticuori

e van tutti in un sol posto

a tifar per quei bei colori.

Siamo tanti in questa curva

qualcun altro va’ in tribuna,

l’emozione sta’ crescendo

stiam partendo per… la Luna.

Il profumo che fa’ il prato

erba corta appena bagnata

mi vien voglia di mangiarla

come una torta di cioccolata.

Il microfono da’ le formazioni

i tifosi iniziano a cantare

manca poco ormai ci siamo

i giocatori stanno per entrare.

Gioca bene la mia squadra

corre, attacca, pressa, crossa

sembrano tutti indiavolati

sento i brividi nelle ossa.

Manca poco alla fine

cresce l’ansia nei tifosi

forse il pallone e’ entrato in rete

volete saperlo, siete curiosi?

Non importa, non mi interessa:

“Grazie papi, grazie nonno

che alla Spal mi avete portato

regalandomi un sogno davvero”.

Poi se quel goal un dì sarà fatto

se la Spal la B sarà conquistata

per Ferrara un orgoglio sarà

e in Piazza andremo tutti in parata.

Io sono un bimbo, quasi un ragazzo

quello che è bello è poter sognare,

in questo giorno molto speciale

che solo la Spal m’à potuto regalare!

 

Marco Musacchi

 

PREMIO GIOVANI   Un dì ala Spal di Marco Musacchi (Ferrara)

45° Concorso di poesia dialettale “Lindo Guernieri”

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi