ven 29 Nov 2013 - 249 visite
Stampa

Bici al Delta, a metà percorso un bilancio positivo

Ted Tomasi: "Abbiamo una frequenza media di 15/20 persone, molto eterogeneo per età e tipologia"

Ted TomasiComacchio. Ted Tomasi, presidente dell’associazione Comacchio è turismo, traccia un bilancio degli incontri di formazione di “Bici al Delta”, che sono giunti a metà del loro percorso. Bici al Delta è un progetto, sviluppato in collaborazione con il Parco del Delta, che si pone l’obiettivo di verificare le condizioni e favorire la creazione di una rete di servizi sul territorio a supporto del cicloturismo.

Comacchio è Turismo si è fatto portavoce di questo progetto, organizzando una serie di incontri gratuiti, della durata di 8 ore ciascuno, che si tengono tutti i martedì, fino al 21 gennaio 2014. Gli incontri si tengono a Comacchio, presso la Manifattura dei Marinati ed in alcune strutture della Costa.

Cominciamo con il tracciare un bilancio. “Il bilancio è a metà corso è molto positivo – spiega Tomasi – abbiamo una frequenza media di 15/20 persone, molto eterogeneo per età e tipologia. Ci sono rappresentanti di aziende turistiche del territorio e giovani in cerca di una prima occupazione o di occasioni di lavoro. Per i partecipanti è stata un’esperienza positiva, in quanto i docenti sono tutte persone che hanno una grande conoscenza del territorio e ne comprendono le esigenze, così da affrontare al meglio le problematiche”.

Perché Comacchio è turismo ha voluto questa serie di incontri? ”Il nostro territorio ha bisogno di occupazione e sviluppo. Siamo di fronte ad un turismo sempre più esigente, che deve confrontarsi con offerte sempre più organizzate. Per questo dobbiamo concentrarci sulla formazione. Perché solo questa può offrire ai giovani del Delta la prospettiva per creare nuova occupazione, per essere competitivi. Abbiamo scelto il cicloturismo come base di partenza, perché bene si adatta al territorio, crea prospettive di uno sviluppo turistico eco- compatibile, aprendosi a mercati nuovi”

A chi si rivolgono principalmente questi incontri? “Ai fornitori di servizi legati al cicloturismo, alle strutture ricettive, alle agenzie che dobbiamo coinvolgere maggiormente. A tutti coloro che vogliono e possono offrire un prodotto turistico completo, perché solo così si può essere competitivi e allineati con il futuro”.

Stampa
  • cardinal pallotta

    Apprezzamento per questo.Per accogliere bisogna essere preparati . E li’ non ci piove. Ma il perno di tutto oltre alle spiagge d’estate . Dovrebbe essere la valle fruibile  tutto l’anno e il centro storico di comacchio .Farne una piattaforma di partenza per le visite naturalistiche . E’ la carta vincente.

  • Arch. Lanfranco Viola

    Titolo :” Bici al Delta; a metà percorso un bilancio positivo:” (di partecipazione). Nei titoli manca sempre qualche precisazione ,in modo di dare spesso informazioni a volte leggermente fuorvianti. Se lo scopo delle riunioni era quello di far trascorrere ore piacevoli a una ventina di persone ” eterogenee per età e tipologia” forse sarebbe ANCHE accettabile una tale dizione. Se invece tutto questo spreco di risorse, DOVESSE ESSERE STATO PROPEDEUTICO A FAR CRESCERE IL NUMERO DI CICLO-turisti ( dalla Slovenia ?) a Comacchio, chiedo FORMALMENTE a Ted Tommasi, di anticipare una stima ( anche approssimata ) di quanti Ciclo turisti conta di ospitare a Comacchio durante la prossima Stagione BALNEARE. Sarei proprio curioso di conoscerla.

  • Pigna86

    Mi complimento con Ted e Comacchio e Turismo per l’impegno e la dedizione che stanno impiegando a questo progetto. Spero che riescano a dare ai nostri lidi una marcia in più.
    per Arch. Lanfranco Viola sempre a criticare ha qualche proposta? perché non va agli incontri per esporre le proprie perplessità?

  • Arch. Lanfranco Viola

    @ Pigna86 (anonimo) comunico che sono andato agli incontri che si sono svolti a Ferrara ,dove non c’è stata nessuna possibilità di esporre valutazioni diverse da quelle fatte dai gran Muftì e dai loro chierici. L’ultima volta che ho preso DECISAMENTE posizione scaldandomi (insieme solo ad un’altra persona in tutta la sala) CONTRO UNA CAVOLATA GALATTICA, è stata in Camera di Commercio CONTRO LE E.T.G.- Da allora ho imparato che dissentire nel TURISMO è considerato ,da tutti i Talebani che se ne occupato, DELITTO DI LESA MAESTA’. Purtroppo per QUESTO TERRITORIO , gli sconcertanti risultati numerici sulle calanti Presenze Turistiche, danno RAGIONE ALLE MIE CRITICHE, E TORTO A LORO. Quando vedono la possibilità di commissionare qualche consulenza, e qualche appalto o di giocare con le figurine, non li smuovono neanche le cannonate. Per cui preferisco lasciare traccia di un dissenso su queste pagine, a futura memoria.

  • Giada Gambi

    Buongiorno, sono ing. Giada Gambi la coprogettista assieme all’arch. Elena Marinelli del progetto Bici al Delta. Il progetto nasce circa 1 anno e mezzo fa, grazie alla collaborazione con gli uffici del Parco del Delta. L’obiettivo iniziale era la creazione di un masterplan per incentivare la fruizione dolce del Parco; grazie all’intervento della Regione Emilia-Romagna e ai numerosi consigli e attenzioni che ci hanno voluto regalare, e grazie alla associazione Comacchio è Turismo che si è resa disponibile a collaborare, siamo partite con una serie di incontri gratuiti, per mappare le esigenze e caratteristiche economiche del territorio, punto fondamentale per redigere un prodotto turistico bottom-up innovativo. Siamo aperte a qualsiasi commento, se costruttivo e con possibilità di discuterne, anzi siamo qui apposta. Riguardo agli incontri a Ferrara, si riferiscono sicuramente ad un altro progetto perchè Bici al Delta non ha mai avuto luogo a Ferrara. Cordiali Saluti. Giada

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi