mar 5 Mar 2013 - 1280 visite
Stampa

Terremoto e rimodulazione mutui, il caso Monte Paschi

Interrogazione del consigliere regionale Malaguti (Pdl): "La banca sta mettendo in difficoltà le famiglie"

malaguti 3Le rate sospese dei mutui per via del terremoto rischiano in alcuni casi di creare difficoltà alle famiglie con la ripresa dei pagamenti. A segnalare il problema con un’interrogazione alla giunta regionale è il consigliere Mauro Malaguti (Pdl), che cità il caso specifico del Monte dei Paschi di Siena, banca che a fine dicembre 2012, cioé in occasione della ripresa della emissione delle rate sospese, ha inviato una lettera ai propri clienti indicando una rimodulazione delle scadenze e prevedendo che le rate sospese fossero addebitate con scadenza di 20 giorni anziché mensile.

Malaguti nella sua interrogazione ricorda che gli accordi con gli istituti bancari, come riportato in più occasioni anche dal Commissario straordinario Vasco Errani, “stabilivano l’emissione delle rate sospese in coda al piano di ammortamento, senza oneri o interessi aggiuntivi”. Nel caso del Monte Paschi, con rimodulazione delle rate con scadenza a 20 giorni anziché mensile, Malaguti fa l’esempio di una famiglia con stipendio mensile di 1600 euro e rata del mutuo a 800 che si troverebbe ora costretta a pagare alla banca 2.400 euro ogni due mesi e aver solo 400 euro al mese per vivere, rischiando inoltre di incorrere nel procedimento giudiziario di vendita all’asta dell’abitazione se nopn fosse in grado di far fronte ai pagamenti.

“A un cliente in provincia di Ferrara recatosi recentemente presso una filiale per evidente difficoltà a sostenere i pagamenti ‘rimodulati’ – riferisce Malaguti – è stato rifiutato il ripristino della rateizzazione mensile”.

Il consigliere Pdl chiede quindi alla giunta regionale “come si giudichi, alla luce della contingente crisi economica ed in particolare delle difficoltà di ripresa nelle zone colpite dal sisma, la rimodulazione delle rate sospese praticata dal Monte Paschi di Siena ed eventualmente da altri istituti se vi fossero casi analoghi”, e “come si consideri possano famiglie già in forte difficoltà far fronte a pagamenti che comportano di fatto un 50% di incremento mensile della rata”. Malaguti chiede inoltre alla giunta di esprimersi su tale provvedimento “che mette in forte difficoltà proprio le famiglie duramente colpite dal terremoto, da parte di una banca che ha appena ottenuto ingenti somme di denaro pubblico, dal precedente Governo Monti, per ripianare i propri conti” e se al proposito non intenda avviare “dopo tutte le dichiarazioni di aiuto e solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma da parte delle autorità regionali il cui presidente è anche Commissario straordinario per la ricostruzione, un confronto con la direzione del Monte dei Paschi di Siena al fine l’istituto ripristini immediatamente le rateizzazioni mensili nelle scadenze dei mutui e delle altre forme di finanziamenti in corso nelle province di Emilia Romagna, Lombardia e Veneto per le aree del ‘cratere’ causato dall’evento sismico”.

Stampa
  • marmotta

    Certo se la notizia é cosï com é scritta non ci sono parole..a dire il vero c é ne sarebbero.tantissime…non ne trovo una che si possa scrivere…..

  • gda

    Confermo la porcata di MPS

  • soliti idioti

    La mia banca e finanziaria ,  ha adottato la sospensione dei mutui fino a fine anno 2012 delle zone terremotate. La cosa sarebbe lodevole, se questo non fosse stato fatto con il tacito assenso e senza nessuna comunicazione. Inoltre verrà applicato il tasso di interesse sulla quota capitale residua spalmata per tutte le restanti rate del mutuo. Questo significa dover pagare gli interessi di questi sei mesi di sospensione del mutuo senza avere chiesto al l’autorizzazione ad applicare questo tasso ( giustificato come “oneri vari”). La cosa è inaccettabile e occorre fare molto “rumore’”. 

  • rob

    odio le banche , riescono a speculare anche e sopratutto sulle tragedie!
    mi auguro che in un prossimo futuro la gente ci pensi bene prima di accendere mutui per investire nel mattone ;e inoltre credo che allo stato attuale delle cose e dei servizi le banche non abbiano piu’ ragione di esistere se non statalizzate.

  • franco

    sono tutte così .

  • beh beh beh

    confermo tutto siamo sempre noi a prenderlo nel sed….!!! loro sbagliano noi paghiamo, noi sbagliamo loro ci rovinano!!!!!!!! w l’italia!

  • osservo

    @soliti idioti: il fatto che gli interessi siano stati calcolati anche sulle rate scadute nel periodo di sospensione dei mutui non è un fatto discrezionale di una banca ma era previsto dal decreto legge; la banca non doveva avere nessuna tua autorizzazione a farlo perchè era la legge a prevedere questa operatività. Lo stesso decreto prevedeva anche che le rate sospese fossero messe in coda al finanziamento e gli interessi calcolati nel periodo di sospensione fossero spalmati su tutte le rate residue del finanziamento, quindi qualsiasi operatività diversa fatta da banche o finanziarie non è legale a meno che non sia stata contrattualizzata fra le parti (cioè banca e clienti hanno messo nero su bianco e firmato qualcosa di diverso)

  • http://libero.it Franck

    Errani sarebbe bene che si dimetta come anche il suo mentore Bersani

  • RPG

    MPS.. MPS.. Ma non è quella banca che ha fatto qualche porcata tempo fa? E il PD non ha preso taaaaaanti voti a Ferrara? Ahi ahi ahi cari concittadini

  • tuffa

    tutti i miei finanziamenti sospesi d’ufficio causa terremoto…..tranne il mutuo MPS…..non male direi…

  • Et in Arkadia ego

    la separazione tra banca commercial e banca finanziaria è stata superata dal modello di banca universale, che dagli anni novanta tende a integrarsi con il settore assicurativo speculativo.
    Questo comporta che l’interesse di una banca è rivolta maggiormente alle speculazioni finanziarie perchè possono rendere moltissimo (un gioco d’azzardo dove il banco è la banca e il giocatore è il cliente della banca, consideriamo che il banco vince sempre così comprendiamo come evolve il sistema creditizio).
    Nel caso del (ex) prestigioso Banco del Monte dei Paschi, le speculazioni fatte per ingozzarsi meglio sono state “svilite” dall’avidità (si presume) dei consigli di amministrazione della stessa. Ricordiamo che è nata nel 1472 come monte di pietà (ex monte dei pegni ovvero una banca che erogava credito alle fasce medio basse della popolazione differentemente dai banchi di scritta poi banche di credito rivolte a finanziare le attività dei mercanti).anticipando l’idea di banca per lo svil. econo

  • gordon

    Malaguti fa l’esempio di una famiglia con stipendio mensile di 1600 euro …… ma chi cacchio li prende 1600 euro? mi no ad sicur!

  • Paola Andreatti

    La banca Mps in realtà ha contattato i clienti interessati lasciando la scelta tra accodare le rate sospese o proseguire il piano di ammortamento con il pagamento di una rata ogni venti giorni per recuperare le rate sospese, per riallinearsi al normale ammortamento ad aprile 2014. Chi ha scelto questa soluzione, e sottolineo scelto, è evidentemente chi ne ha la capacità economica, gli altri avranno sempre solo una rata al mese. Tra l’altro Mps ha garantito la sospensione fino a 12 mesi a prescindere dai danni subiti dal sisma, non mi risulta che tutte le banche del territorio abbiano fatto altrettanto…

  • riberni

    malaguti non sa o non dice che mps, a differenza di tante altre banche locali (tipo carife) non ha sospeso i mutui in maniera automatica senza avvisare gli intestatari,ma lo ha fatto dopo richiesta e contrattazione con gli stessi,contrattazione in cui veniva spiegata la probabile modalita di restituzione delle rate sospese, che sta avvenendo come spiegato in sede di contrattazione)Preciso che non sono un bancario di mps ma bensi ‘proprietario’ di un muto ventennale con mps che dopo essermi consultato con il direttore d agenzia ha deciso che non valeva la pena.
    Mps non e diversa dalle altre banche ma e facile strumentalizzare mps=pd, comunque per chi non lo sapesse mps non ha avuto isoldi del salvataggio aggratis ma ci paghera un interesse del 9 % allo stato.Ma anche questo Malaguti dimentica di dirlo.

  • Mauro Malaguti

    Gentile sig.ra Paola Andreatti mi spiace contraddirla ma le rateizzazioni ogni 20 giorni sono state comunicate con detta ‘rimodulazione’ in lettera datata 11/12/2012, quindi arrivata verso la la metà di dicembre, in cui si invitava i clienti a contattare quanto prima, ma possibilmente entro il 31/12 la filiale senza altre specifiche. Considerando le festività si può generosamente stimare una decina di giorni di tempo per quei clienti che abbiano letto attentamente la lettera. Chi lo ha fatto successivamente, ossia quando ha realizzato concretamente le scadenze di 20 giorni dal conto corrente, e si è recato presso la filiale testimoniando la difficoltà a sostenere i nuovi addebiti, si è sentito replicare, come spesso accade, che non si poteva fare nulla dato che si dovevano velocizzare i rientri. Se lei è una dipendente della banca, ovviamente, non ha colpe, ma la scelta fatta dalla direzione si commenta da sola.

  • Marco

    Io ho il mutuo con mps. Non ho sospeso le rate e non ho avuto alcun problema. Contrariamente con altre finanziarie che hanno sospeso le rate senza avvisare ho avuto dei problemi.

  • Paola Andreatti

    Gentile Sig. Malaguti, volevo evidenziare che la banca ha proseguito per tutto il mese di gennaio 2013 ad accettare le richieste della clientela in merito alla volontà di “accodare” le rate sospese, onde consentire il pagamento di una rata soltanto al mese, ben consapevole che il mese di dicembre è un periodo particolare dell’anno e che poteva non essere suffiiciente per accogliere le risposte di tutti i clienti interessati. Ritengo che il termine di un mese e mezzo sia adeguato per decidere come regolare i propri pagamenti …
    Non dico questo per togliere colpe o farmi paladina di una difesa di cui l’istituto Mps in questo caso non ha bisogno, ma soltanto per rendere ai clienti della banca e non un’informazione completa e corretta, priva di filtri politici, ed è di questa informazione, credo, che si abbia decisamente bisogno…

  • Silvano

    @osservo
    La banca avrà anche applicato alla lettera il decreto, ma non vuol dire che quest’ultimo è stato formulato nella maniera migliore, anzi. Si sta abusando del principio di “silenzio-assenso”, il più delle volte a scapito del cittadino comune (e povero).
    Condivido in pieno la critica di “soliti idioti”.

  • Totò

    La banca del Popolo!!!

  • riberni

    Ma mi scusi sig.Malaguti ma ha capito che chi ha scelto di sospendere le rate lo ha fatto di sua coscienza e con la consapevolezza do doverle poi pagare in questo modo?Dalla sua controrisposta sembra che i mutuatari si siano trovati le rate sospese in automatico .Nel caso di mps non e andata cosi.[…]

  • FLANKER

    non capisco perche’ la stampa si ostini a non volere rendere pubbliche le vere criticita’ che ruotano intorno al monte dei paschi.in realta’ il vero problema della banca si annida nella sua fondazione e coinvolge direttamente e in maniera pesante il credito cooperativo fiorentino di denis verdini (PDL) e opus dei- (IOR) .ora non e’ che di una questione cosi’ grossa importante e dirimente per le sorti del paese si puo’ prendere in considerazione solo il pezzo che fa comodo al proprio percorso politico e tralasciare e oscurare tutto il resto.la questione MALAGUTI va considerata nel suo aspetto piu’ ampio.ovvero la cosa va letta con una sua visione di insieme e soprattutto in maniera coerente .esattamente come una malattia .altrimenti i suoi interrogativi caro MALAGUTI cadranno nel vuoto e rischieranno di avere gli stessi effetti di una cura omeopatica

  • osservo

    @silvano: concordo in pieno sulla poca trasparenza del decreto; in tanti clienti (io lavoro in una banca) venivano in filiale dopo aver sentito per tv la notizia della sospensione ma ne ignoravano completamente la onerosità…d’altra parte un decreto venuto fuori da un governo con passera e profumo non poteva far altro che aiutare le banche

  • Alessandro B

    Iniziativa lodevole di Malaguti!!! Gli addebiti a 20 giorni sono una cosa che non stanno né in cielo né in terra!!! 

  • Alessandro B

    @ Paola Andreatti lei ha ragione ma purtroppo non tutti in banca sono preparati e competenti come lei allo sportello e il cittadino spesso non ha competenze di matematica finanziaria tali da rendersene conto…

  • Mauro Malaguti

    Cara signora Andreatti e caro sig. Riberni prima di commentare siete pregati almeno di leggere bene l’intervento: “A un cliente in provincia di Ferrara recatosi recentemente presso una filiale per evidente difficoltà a sostenere i pagamenti ‘rimodulati’ – riferisce Malaguti – è stato rifiutato il ripristino della rateizzazione mensile”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi